martedì 9 febbraio 2016

#TravelTime : first time in Europe

C'è una prima volta a tutto.
Ma pensavo di riuscire a schivare l'aereo. ATTENZIONE: girare il mondo non in aereo,
La mia paura non so da cosa nascesse, sinceramente, so solo che ero terrorizzata anche a sol pensiero di arrivare in un qualsiasi aereoporto.
Sono coraggiosa sì.

Ho la fortuna di stare con una persona che ama e piacerebbe girare il mondo (in aereo) in lungo e in largo, ma fino adesso per mancanza di tempo non è mai riuscito a portarmi/convincermi e ci "accontentavamo" di star in Italia.

Avevo bisogno di una svolta nella mia vita, avevo bisogno di riprendermi da un anno veramente difficile, cosìchè a Dicembre mi è stato imposto e detto che a breve avrei preso l'aereo.
Ansia. Ansia. Ansia. Ansia anche solo per parlare al telefono.
Mi era stata data solo la possibilità di scegliere la meta o Parigi o Amsterdam.

Cosa fare? Credetemi quando vi dico che ho passato un'intera notte in bianco, perchè smaniosa e agitata dall'idea di andare all'estero. Di iniziare a viaggiare.

La meta? In base a cosa è stata scelta?
Il giorno dopo stavo sistemando i rossetti, mettendoli in "ordine" , insomma quando pensavo di aver sistemato tutto noto in lontanaza un astuccio nero opaco di Nars. Incredula di aver ritrovato quel rossetto che tanto avevo amato quest'estate, sono rimasta colpita dal nome: segno del destino o meno, la meta scelta è stata chiaramente Amsterdam.
Non vi dico il restante delle nottate passate in bianco, ormai rassegnata dall'idea di dover prendere a tutti i costi un'aereomobile. >.<

Dopo questo raccondo tragicomico possiamo iniziare a raccontare in breve il viaggio. Consigli, accortezze ecc ecc.

Una volta deciso il periodo ( dal 1 al 5 Febbraio) siamo passati alla fase successiva: la prenotazione.
Non abbiamo rischiato e siamo andati sul sicuro alloggiando in un hotel. Visto e considerato che non mastichiamo un inglese discreto (bensì scolastico e sufficiente).

Noi ci siamo affidati ad Expedia.it, e per il periodo prescelto abbiamo deciso di alloggiare nel famosissimo Hotel Die Port Van Cleve.  Situato nella centralissima cittadina di Amsterdam a due passi da Piazza Dam e attaccata a Magna Plaza Shopping Centre, Le 4 stelle di questo hotel sono date per la maggior parte dalla posizione in cui si trova, una posizione davvero strategica comoda per qualsiasi spostamento, e anche un bel punto di riferimento. La facciata dell'hotel è affascinante (soprattutto di notte), riconducibile ad una storia. Palazzo storico e caratteristico, in tema con la cittadina dei mulini a vento. 




Le stanze dell'hotel (per lo meno la nostra) sono atipiche. La nostra era veramente grande, spaziosa, luminosa. Il bagno accogliente con una doccia da sogno, moquette apparentemente pulita. Unico incoveniente è che il mio sacco a pelo/ piumone era macchiato (di marrone) e fidatevi era parecchio disgustoso, e poi abbiamo ritrovato un paio di calzini, non nostri, sotto al letto. Quindi rimango un attimo perplessa sulla pulizia in generale. La camera comunque aveva tutti i comfort (compreso un asciuga-capelli e set di cortesia).  Personale accogliente, la struttura presenta anche un computer utilizzabile dal pubblico (utile e comodo per effettuare check-in per i voli).

Facilmente raggiungibile a piedi dalla Stazione Centrale in una decina di minuti a piedi.

La stazione ferroviaria di Amsterdam è come una città dentro alla città.
E' grande e all'inizio abbastanza confusionaria (non solo per il traffico di persone che ha).
Ho notato che coloro che stanno alla biglietteria, una volta stampati i biglietti dicono il binario dove bisogna aspettare/prendere il treno. Sembra una sciocchezza ma fidatevi che in mezzo a  migliaia di persone e non so quanti binari è molto facile perdersi. Fortunatamente il servizio dei trasporti pubblici Olandese è molto efficente, puntuale e pulito. I treni passano ogni 5/10 minuti.

Amsterdam Central Station è a sua volta raggiungibile in 10/15 minuti  dall'aereoporto nazionale di Schipol. Sono rimasta folgorata dalla grandezza di questa struttura, I cartelli con scritto exit sono quasi inesistenti. Praticamente i negozi nell'insieme formano un grande centro commerciale, sono entrata per la prima volta dentro ad un negozio di Victoria's Secret (in love), visto per la prima volta la scritta Sturbucks Coffè. Per non parlare dei duty free.
Se dovete fare shopping, oppure vi manca qualche giro nei negozi aspettate di arrivare in aereoporto. Soprattutto i profumi, costano anche una trentina di euro in meno.

All'andata ho viaggiato con KLM (compagnia di bandiera Olandese) e al ritorno con Alitalia/KLM.
Il viaggio di ritorno è durato all'incirca 1h15, l'andata 1h40.
Partiti da Milano Linate, con tanto di parcheggio a 5 minuti di navetta.

Ho viaggiato con un bagaglio a mano + zainetto. KLM permetteva di imbarcare un max di 12 kg, qua vorrei un vostro applauso: sono riuscita a star sotto i 7 kg compreso il peso della valigia. Abituata a portare degli armadi interi, come prima volta mi sono proprio stupita (clap clap clap clap clap) se considerate che sono andata via nel periodo più freddo (standing ovation).

P.S: Se volete sapere come ho gestito la valigia e la temibile busta dei liquidi fatemelo sapere, magari vi faccio un video apposito.

Nel prossimo post vi scrivo le diverse attrazioni e il proseguo del viaggio.
Spero di non avervi annoiato in questo piccolo post.
Sono emozionata tutt'ora che sto scrivendo.

Avevo bisogno di ritornare con voi.
Thank you for read me,

Alpi


on board


Station

questi pavimenti a rapido scorrimento sono fantastici *_*

Station


0 commenti:

Posta un commento